Schnitzel: un gustoso viaggio fra Italia, Austria e Israele.

schnitzel israeliano

Wiener schnitzel, cotoletta alla milanese e schnitzel Israeliano: 3 nomi per descrivere 3 squisitezze impanate amate da grandi e piccoli, 3 pietanze con caratteristiche e storie diverse, che oggi ripercorreremo insieme.

Viene prima lo schnitzel o la cotoletta?

Schnitzel austriaco e cotoletta alla milanese sono molto simili: si preparano impanando una fettina di carne (solitamente vitello) con uovo e pan grattato, per poi farla rosolare nel burro.

Come spesso succede quando si parla di grandi classici della cucina, la loro paternità è stata a lungo contesa fra Italia ed Austria: quest’utima sosteneva che la cotoletta fosse una versione dell’originale viennese che i cuochi milanesi avevano imparato a fare osservando quelli austriaci durante l’occupazione. Naturalmente gli italiani sostenevano il contrario, ossia che la ricetta della cotoletta fosse stata portata in Austria da Radetzky dopo una lunga permanenza nel Belpaese.

Chi aveva ragione? Secondo alcuni documenti riguardanti un pranzo solenne tenutosi a Milano nella prima metà dell’anno mille, la cotoletta già esisteva, con buona pace dei cuochi viennesi.

Ma in tutto questo lo Schnitzel Israeliano cosa c’entra? C’entra eccome!

Un lungo viaggio dall’Europa ad Israele.

Durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale, moltissimi ebrei ashkenaziti lasciarono l’Europa per emigrare in Israele, portando con sé anche le loro tradizioni culinarie, schnitzel compreso.

La classica cotoletta impanata, per forza di cose, subì delle varianti, dovute alla congiuntura storica, alle leggi religiose ebraiche ed alla tradizione culinaria israeliana.

  • All’epoca lo stato di Israele era molto povero, e la carne di vitello non era facile da reperire: per questo si optò per pollo o tacchino.
  • Le regole kasher vietavano inoltre di mescolare carne e latticini, quindi lo schnitzel veniva cotto nell’olio.
  • Con il tempo all’impanatura si aggiunsero i semi di sesamo, ingredienti principe della cucina israeliana.

In Israele oggi lo schnitzel è fra i piatti più amati, e viene cucinato in molti ristoranti etnici in giro per il mondo: sono in molti a preferire questa versione più “leggera”, cotta nell’olio, preparata con carne bianca e resa ancora più gustosa e croccante dai semi di sesamo (se vuoi preparartela in casa, qui puoi trovare la ricetta).

BellaCarne: cucina ebraica nel cuore del Ghetto.

schnitzel bellacarne

Siamo in Via del Portico d’Ottavia 51, nel cuore di uno dei quartieri più belli e antichi di Roma, antico come la tradizione culinaria giudaico romanesca, che da anni proponiamo ai nostri affezionati clienti, rivisitandola con fantasia e passione, accompagnandola con piatti di provenienza mediorientale e con una nutrita lista di vini (naturalmente kosher). Dando uno sguardo al nostro menu vi troverai:

  • Pane ed affettati di nostra produzione.
  • Primi piatti della tradizione romanesca rivisitati in versione kosher.
  • Carni kosher alla brace, alla griglia e al girarrosto.
  • Specialità mediorientali
  • Dolci fatti in casa

Cosa aspetti a venirci a trovare? Siamo aperti tutti i giorni dalle 12:00 alle 24:00 (meno il Venerdì a cena ed il Sabato a pranzo), e la nostra cucina fa orario continuato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *