Agnello scottadito: la ricetta senza tempo!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...Loading...

Un secondo semplice e saporito, che esalta la morbidezza e delicatezza delle costolette di agnello.

Agnello scottadito
  • Dosi Per
    2 persone
  • Tempo di Preparazione
    30 Minuti
  • Tempo di Cottura
    6 Minuti
  • Tempo di Attesa
    2 Minuti
  • Tempo Totale
    38 Minuti

A tutti, prima o poi, almeno nel periodo di Pasqua, sarà capitato di assaporare le gustosissime costolette di agnello alla scottadito, che vanno mangiate talmente calde da scottarsi le mani, come dice il loro nome. Oggi vi insegneremo a preparare un agnello alla scottadito perfetto, come tradizione vuole!

Come scegliere l’agnello per uno scottadito perfetto!

La carne ideale per fare un ottimo scottadito è quella dell’agnellino da latte, che viene macellato in giovanissima età, prima che venga svezzato (è quello che nel Lazio viene tradizionalmente chiamato abbacchio).

Le sue carni sono molto tenere e delicate, ed hanno un perfetto rapporto fra carne e grasso.

Anche l’agnello cosiddetto “semisvezzato” può andar bene, ma tenete presente che la sua carne è un po’ più consistente ed il suo sapore è più intenso.

Per acquistarlo, recatevi dal vostro macellaio di fiducia, e fate attenzione a questi particolari:

  • La carne deve essere di un color rosa chiaro, tendente quasi al bianco.
  • La sua superficie deve essere omogenea, senza macchie più scure.
  • Un colore più marcato, potrebbe voler dire che l’agnello non si è nutrito solo di latte, ed il suo sapore tenderà ad essere meno delicato.

Dimenticavamo la cosa più importante: ovviamente dovete acquistare delle costolette, altrimenti le dita come ve le scotterete?

Agnello alla scottadito: qualche consiglio utile!

La ricetta delle nostre costolette è davvero semplice, ma bisogna avere qualche piccola accortezza, che farà la differenza fra un agnello alla scottadito buono, ed uno buonissimo!

Le regole da tenere a mente sono poche e molto facili:

  • Ricordatevi di tirare fuori le costolette dal frigo 1 ora circa prima di cuocerle, altrimenti rischierebbero di raffreddare la piastra o la padella dove le cuocerete.
  • Per cuocerle in maniera perfetta, l’ideale sarebbe una piastra in ghisa (che tiene meglio la temperatura), ma anche una padella andrà bene.
  • Prima di metterle a cuocere, asciugate bene le costolette con della carta da cucina, per eliminare sia l’acqua, che le eventuali schegge di osso che potrebbero esserci finite quando il macellaio le ha tagliate.
  • Per evitare che si attacchino, mentre la piastra o la padella si stanno scaldando, ungetele leggermente di olio.
  • Mettete le costolette a cuocere solo quando la padella o la piastra saranno belle calde (ve ne accorgerete perché cominceranno a sprigionare un po’ di fumo), in modo che vi si formi all’istante quella crosticina che le sigillerà ed impedirà ai succhi di fuoriuscire

Un’ultima raccomandazione, forse la più importante: ricordatevi che le costolette non vanno mai cotte troppo, perchè rischiano di diventare molto dure. Vi basterà farle cuocere massimo 3 minuti per lato, fino a quando saranno dorate, avendo l’accortezza di non bucarle con la forchetta, altrimenti perderebbero tutti i succhi interni.

Che aspettate? Il vostro agnello alla scottadito vi aspetta! Buon appetito e… fate attenzione a non scottarvi troppo!

Ingredienti

  • 8 costolette di agnello
  • 40 gr di olio evo
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • qb sale
  • qb pepe nero macinato al momento

Istruzioni

  1. Tirare fuori le costolette dal frigo 1 ora circa prima di cuocerle.
  2. Tamponarle con della carta da cucina.
  3. Preparare in una scodella olio, aglio e rosmarino, mescolare bene ed immergervi le costolette.
  4. Coprirle e lasciarle riposare per circa mezz’ora, in modo che si insaporiscano.
  5. Mettere la padella o la piastra su fuoco vivo e farle scaldare bene, finché non cominciano ad emettere un po’ di fumo.
  6. Farle cuocere circa 2-3 minuti per lato, fino a che la carne non risulti dorata e, se cotta sulla piastra, presenti le classiche striature scure.
  7. Terminata la cottura metterle in un piatto, coprirle con carta argentata, e lasciarle riposare per circa 2 minuti.
  8. Regolare di sale e pepe e servire immediatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *