Polpette della nonna: 5 trucchi per non sbagliare!

polpette della nonna

C’è poco da discutere: le classiche polpette della nonna (quelle al sugo, per intenderci) piacciono davvero a tutti, grandi e piccoli: visto che la ricetta ve l’abbiamo già data, oggi vi sveleremo 5 trucchi per la sua perfetta riuscita!

1) Non acquistate carne già tritata.

Sembrerebbe un consiglio scontato, ma molti di noi spesso preferiscono acquistare il macinato già pronto, per risparmiare tempo. Noi vi consigliamo invece di scegliere personalmente il taglio da far tritare al macellaio, per tre motivi principali:

  • Sarete certi che il vostro macinato verrà preparato con carne freschissima.
  • Potrete scegliere come far tritare la carne.
  • Potrete farvi fare un mix di carni differenti.

2) Fatevi preparare un mix di manzo e vitello al 50%.

Il manzo, soprattutto quello di prima qualità, è molto gustoso, ma il vitello, più delicato e dalla consistenza più tenera, lo bilancerà perfettamente, creando un trito della giusta consistenza,  dal sapore gradevole e delicato.

Ricordatevi di farvi passare i tagli da voi scelti almeno due volte nel tritacarne, perché le polpette della nonna devono avere una grana fine, altrimenti vi sembrerà di mangiare hamburger. Ricordatevi inoltre di optare per della carne con una percentuale di grasso intorno al 15% che non tenderà a seccarsi durante la cottura.

3) Attenzione alle dimensioni.

Nel caso delle polpette della nonna, le dimensioni sono importanti: ricordatevi di formare delle palline abbastanza piccole (di circa 50 gr ciascuna), in modo che possano cuocersi adeguatamente in tempi relativamente brevi, in quanto le polpette grandi, oltre a tendere a sfaldarsi durante la cottura, rischiano di rimanere crude al centro. Vi assicuriamo che non c’è niente di peggio di una grossa polpetta calda fuori e fredda all’interno!

polpette della nonna consigli

4) Pane bagnato e patate per un impasto perfetto.

Le polpette della nonna diventeranno ancora più gustose se le renderemo più ricche aggiungendo all’impasto, oltre al pane raffermo bagnato, anche delle patate bollite schiacciate (ne bastano 100 gr per 1 kg di macinato): forse saranno meno dietetiche, ma ne guadagneranno in sapore e consistenza. Se volete strafare, nella nostra ricetta abbiamo aggiunto anche della besciamella kosher, per rendere il tutto ancora più appetitoso.

5) Le vere polpette della nonna vanno cotte in due tempi.

Una volta formate le polpette, rotolatele nel pan grattato e lasciatele circa mezz’ora in frigo, in modo che diventino più compatte. Preriscaldate il forno a 180° e mettetevi a cuocere le polpette per circa 7 minuti; dopo di che tuffatele nella salsa di pomodoro calda, che nel frattempo avrte fatto giungere a metà cottura. Dopo altri 7 minuti circa le vostre polpette saranno pronte, ed avranno mantenuto una consistenza e forma perfette, grazie alla doppia cottura!

Ora che i “trucchi del mestiere” li conoscete tutti, non vi resta che mettervi al lavoro!

Bellacarne: tradizione e qualità nel cuore del Ghetto!

polpette della nonna bellacarne

Il nostro ristorante è situato in Via del Portico d’Ottavia 51, al centro del Quartiere Ebraico di Roma, e da anni propone alla propria clientela una cucina kosher di alto livello, improntata sulla qualità delle materie prime e sulla valorizzazione della cucina ebraico- romanesca.

La nostra proposta food comprende:

  • Affettati di nostra produzione.
  • Primi piatti della cucina romanesca rivisitati dal nostro chef in versione kosher.
  • Carni 100% kosher certificate, cucinate allo spiedo e al girarrosto.
  • Pane e dolci fatti in casa.
  • Una fornita carta dei vini.

Su richiesta organizziamo anche pasti Glatt Kosher, e mettiamo a disposizione della nostra clientela una sala interna privata, perfetta per pranzi o cene di lavoro o per festeggiare eventi importanti.

Cosa aspettate a venirci a trovare? Siamo aperti tutti i giorni, meno il Venerdì a cena ed il Sabato a pranzo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *